lilli_gruber

11 Nov Intervista I Lilli Gruber

lilli_gruber

Lilli Gruber

INTERVISTA DI LUCA RIZZATO

Intervista esclusiva dell’inviato per Stella FM a Lilli Gruber.

Lilli Gruber, all’anagrafe Dietlinde Gruber(Bolzano, 19 aprile 1957), è una giornalista, scrittrice, conduttrice televisiva ed ex politica italiana.

Attiva come giornalista televisiva dai primi anni ottanta, lavorò per il TGR, il TG2 e il TG1, conducendo le principali edizioni delle testate, ricoprendo anche il ruolo di inviata, seguendo per la RAI avvenimenti importanti come il crollo del muro di Berlino e la guerra in Iraq. Nel corso della lunga carriera ha scritto diversi saggi e romanzi, pubblicati per Rai Eri e per Rizzoli.

Dal 2004 al 2008 è stata parlamentare europea, eletta dalle Lista Uniti nell’Ulivo, dimettendosi anzitempo per assumere nel settembre 2008 la conduzione della trasmissione Otto e mezzo, tuttora in onda su LA7. Figlia di Alfred Gruber, imprenditore di lingua tedesca proprietario di un’industria di macchine edili (la Tiger), dopo la separazione dei genitori cresce a Egna, coi due fratelli maggiori, frequentando il liceo linguistico all’interno dell’istituto delle suore Marcelline a Bolzano. Buongiorno Frequenta a Venezia lingue e letterature straniere, svolge il praticantato giornalistico a Telebolzano e scrive per i quotidiani L’Adige e Alto Adige, quindi approda in Rai, dapprima a Sender Bozen, il canale in lingua tedesca, poi, nei primi anni ottanta, alla redazione di Bolzano del TGR Trentino-Alto Adige.

Sotto la guida di Antonio Ghirelli, nel 1986 passa al TG2 conducendo l’edizione di mezza sera del telegiornale e facendosi notare per lo stile aggressivo e per la postura di tre quarti, atipica per un mezzobusto, solitamente inquadrato sempre frontalmente. Avendo chiesto di fare l’inviato dall’estero, nel 1989 ha raccontato per la Rai i giorni che hanno portato al crollo del muro di Berlino, raccontando la sua esperienza sul campo nel suo primo libro Quei giorni a Berlino, pubblicato da Rai Eri e scritto insieme a Paolo Borella. Dal 1990 è passata al TG1, inizialmente occupandosi di politica estera, per poi condurre l’edizione principale delle 20, senza però trascurare l’attività di inviata, andando spesso in territori coinvolti da conflitti, come le guerre jugoslave, la guerra in Iraq (anche da questa esperienza ha tratto diversi saggi, pubblicati dalla Rizzoli) e gli attentati dell’11 settembre 2001. Nel 1994 ha esordito come conduttrice presentando il programma giornalistico Al voto, al voto!, proposta dalla Rai in occasione della campagna elettorale per le elezioni politiche di quell’anno. Nel 1997 ha ricevuto il Premio Alghero Donna. Ha collaborato inoltre con i quotidiani La Stampa e Corriere della Sera.

Sempre negli anni Novanta è stata attiva anche all’estero, conducendo nel 1996 il settimanale Focus TV, in onda sulla tedesca Pro Sieben, e nel 1998 un talk show per SWF. Per conto della CBS ha realizzato una intervista-ritratto all’attrice Sophia Loren.