concato-intervista

10 Giu Intervista Fabio Concato

concato-intervista

Fabio Concato

INTERVISTA DI LUCA RIZZATO

Intervista esclusiva dell’Inviato per Stella Fm con Fabio Concato, una delle più belle certezze della canzone d’autore italiana. Il cantautore milanese ha saputo ritagliarsi nel corso degli anni uno spazio molto personale narrando le piccole grandi storie della quotidianità. Ricordi, nostalgie, speranze, confessioni appena delineate uniti a lampi d’allegria contagiosa e momenti di grande tenerezza popolano il mondo delle sue canzoni così simili a foto, annotazioni in un diario della memoria che è sempre riuscito a fare breccia nell’immaginario e nella sensibilità del pubblico. Nato a Milano il 31 maggio 1953 in una famiglia ricca di stimoli culturali e musicali: la madre, giornalista e stimata poetessa, il padre ottimo chitarrista e noto autore e divulgatore della musica jazz. Non a caso, Concato è uno dei pochi cantanti italiani che ha una “stretta familiarita’” con il jazz ed in questo nuovo tour 2017 offre un concerto improntato sulla musica e sulla parola, tra il serio e il faceto, un lungo viaggio dal 1977, anno del suo esordio discografico con l’album “Storie di sempre”, a oggi. Un autore elegante, capace di grande autoironia, sempre attento alle tematiche ambientali, sociali e civili; un interprete le cui canzoni sono entrate nella storia della musica italiana e ci hanno accompagnato sin qui, senza mostrare i segni del tempo, anzi regalando emozioni e versi entrati nell’immaginario collettivo. “Domenica bestiale”, “Fiore di maggio”, “Guido piano”, “Rosalina”, “051222525”, “Sexy tango”, “O bella bionda”, fino ai singoli dell’ultimo album uscito nel 2012 (Tutto qua), “Stazione nord”, “Non smetto di aspettarti”. Sono solo alcune delle canzoni del concerto, che riserva sempre altre sorprese, riproposte con nuovi arrangiamenti e scelte secondo i temi più cari all’artista, affianco agli stessi musicisti che hanno contribuito alla realizzazione dell’album stesso.